Bonimba

Posted on 5 novembre 2013

0



Me l’ero segnato ieri, l’ho letto e lo gabbianizzo. Articolo-intervista di quelli che scrive il Maestro ispirato. Passaggi di pura bellezza come questo:

Ed è curioso sentir parlare di tecnica uno che è passato alla storia (del calcio) come simbolo di forza e coraggio, sturm und drang, un satanasso.

Aggiungo solo: quanto ti amato, Bonimba, quando nemico sei diventato fratello (di anni 33) e ce ne hai regalati 35. Di potenza, di testa, di carambola. Lo scudetto 17 e lo scudetto 18. Due in fila. Come quelli che hanno osato cancellarci più tardi, prima che ce li riprendessimo (e ci mancherebbe altro, marrani).

Annunci
Posted in: Giuve