Invenzioni di voto

Posted on 7 febbraio 2013

0



Al Retrogusto, parete destra per l’avventore, piazzano post-it divertenti. Anche di politica. L’ultimo è su Rocco Siffredi (ovvietà, ma andate a guardarlo). Al Retrogusto si auscultano le intenzioni di voto meglio che da qualsiasi altra parte. Gente, polso, pancia: a ogni porcina cambia tutto. Più/meno 5%.
Quest’anno, parere mio, i sondaggisti prenderanno cantonate. E’ un italiano impoverito, incazzato, infastidito. Potrebbe essere capace di inventarsi il voto all’ultimo momento. Questa volta non tifo per nessuno, di sicuro tifo contro qualcuno. Osservo con molta curiosità, e quasi divertimento, le acrobazie, il teatrino, l’orribile falsità delle dichiarazioni di queste settimane.
Al Retrogusto, dicevo, le intenzioni di voto sono un’altalena. Stamattina viaggiavamo con queste percentuali, a spanne: Grillo 40%, Bersani 25%, Berlusconi 20%, Giannino 10%, Monti 4%, resto del mondo 1%. Cercherò di aggiornarvi, anche se da domani sera è blackout.
Quel che è certo è però che ho capito, grazie a uno dei miei principali guru, a quale evento sportivo potrebbe assomigliare l’eventuale capitombolo di Bersani. Pensavo alla fatal Verona, alla piscina di Perugia, a Mancini che stende Agassi a Roma 1989, a una qualsiasi sconfitta della Kratochvilova (avrà mai perso, tra l’altro?). No, no, no. Questo è l’unico upset potenzialmente paragonabile.

Annunci
Posted in: Politica