Musica maestro

Posted on 20 settembre 2012

0


Dopo 1.016 giorni di assenza della Giuve, la Champions ha ritrovato sé stessa: finalmente la musica suonava per la Storia, non per la pummarola. Infinite piccole storie dentro 94′ tra il rischio goleada e la rimonta epica. Sembrava notte da Oscar e invece la Giuve s’è rialzata nascondendo i propri limiti (Giovinco che rimbalza tra gli armadi, tenerezza), aggrappata al portentoso Vucinic, strappata alla palude da Vidal, miglior acquisto dai tempi di Zidane. Pirlo ai margini, Chiellini il migliore dietro. Avessimo Trezeguet, saremmo i padroni del mondo. Ma siamo tornati, per adesso basta questo.

Annunci
Posted in: Giuve