State Boni

Posted on 7 marzo 2012

3


Essendo morti, non si capisce perché Pdl, Pd e Lega Nord sprecheranno nei prossimi due mesi energie, denaro (nemmeno tutto loro), carta e inchiostro per presentare simboli fantasma e vedersi schiacciati dal partito del non-voto. Morire due volte, la seconda pure in presenza di assenti: masochismo raro.
Meglio sarebbe stato, per chi ci crede davvero, togliersi le bende da mummia e ricominciare tutto da capo, senza i soliti noti mascherati da faccia più o meno nuova (povero Alfano che figuracce ‘sti giorni, non oso pensare che gli potrà accadere se il Milan arriverà in semifinale di Champions, non riparliamo dell’incredibilissimo caso Trieste, naturalmente insabbiato dal pidiellino di Tarvisio a quello di Lignano, mentre il diretto interessato virgolettava «non siamo un partito di plastica» e si sollevavano i clap-clap); senza i perdenti maximi (Fini attento, Bersani è a un passo); senza i padani (che davvero sono i più morti di tutti, ma non se ne rendono conto: la portavoce di Maroni non si è degnata in tre giorni di rispondermi «sì» o «no», giuro che non la interrogavo sulle monadi di Leibniz, ed è un buon motivo per incazzarsi, per il resto fanno tutto loro ma, sia chiaro, garantisti sempre).
Rivedremo invece ancora Pdl, Pd e Lega nella versione nemmeno da ultima spiaggia: non c’è più nulla da salvare se è bastato Monti, non Giacobbe La Motta, a metterli all’angolo. Pur sapendo che affogano nel dramma delle cifre (il 91% degli italiani non crede più nei partiti, se assieme faranno più del 9% sarà solo perché se la giocano sempre tra di loro, un gne-gne ormai imbarazzante, un challenge round dell’era moderna che, esistesse ancora nel tennis, Federer sarebbe a 100 titoli dello Slam), speriamo almeno che nel colpo di coda riescano in due sole cose: la smettano di rubare e candidino a sindaco delle brave persone. Non è difficile, soprattutto non avendo più nient’altro da fare a parte decidere chi va a Porta a Porta.

Annunci
Messo il tag: , , , ,
Posted in: Politica