100+100=0

Posted on 12 giugno 2011

1


A Pagliaccionia c’è, in alto a destra, una contea un po’ strana. Si chiama Freeuli e i suoi abitanti di pianura e montagna si dissetano non con acqua ma con succo d’uva, non si capisce che cosa ci trovino. Ancora più a destra c’è un altro popolo, di mare, un altro mondo, lì preferiscono la mirra. E’ inspiegabile come Freeuli e Mirramare siano governati da un unico parlamento, ma così ha voluto la storia. Come a Pagliaccionia anche in questa contea i governi si alternano: dopo il presidente Billy tocca ora a Rombo, governatore dal 2008.
Questa premessa per inquadrare il contesto in cui accade una vicenda di una stramberia unica. A inizio anno, vista la carestia che ha colpito l’area, il governo Rombo decide di venire incontro agli anziani della contea e stanzia per i più in difficoltà un bonus di 100 lire. Niente di che, nemmeno un bicchiere di succo d’uva al giorno, ma meglio di un calcio in culo osserva in particolare il leader degli anziani, il consigliere Ferrone. Mese dopo mese sui tre quotidiani locali, il Riccolo, il Razzettino e quello più venduto, il Lessaggero, il governo Rombo annuncia: ecco il bonus, bonus per 70mila, pigliati il bonus, arriva il bonus, fidati il bonus c’è, che impaziente che sei statte bonus, il bonus con l’estate.
Fatto sta che il bonus non arriva. Lo dovrebbe erogare l’istituto Pinps, non troppo brillante per generosità e tempestività. Si attende e si attende. Invano. Finché, con i primi caldi, in occasione della finanziaria di metà anno, il governo Rombo, vedendo che gli anziani sono proprio al collasso, se ne inventa un’altra. Oddio, inventa. Diciamo che fotocopia l’operazione bonus e annuncia: bonus bis, bis bonus, non 100 ma 200 di bonus, non spaccare i maroni adesso che hai due bonus. Gli anziani, stavolta, si sentono un po’ presi per il culo.
In Freeuli Mirramare, come in tutta Pagliaccionia, i politici da decenni riempiono i loro comizi di contumelie contro la burocrazia. Ma la burocrazia resiste. Non sappiamo se è colpa dei politici, dei burocrati, o di tutti e due. Del resto, chissenefrega. Noi viviamo in Friuli Venezia Giulia, regione d’Italia al centro dell’Europa, incrocio di grandi popoli, e per fortuna queste cose non accadono. Abbiamo l’euro. E l’Inps.

Annunci
Posted in: Pagliaccionia