No, Pd can’t (be serious)

Posted on 9 giugno 2011

0


La mia amica Federica (19)

Giornalista all’aperitivo: «Così si sputtana lo strumento referendario».
Assessore Pd all’aperitivo: «Sì è vero, verissimo».
G: «Il referendum lo si usa per questioni etiche: aborto, divorzio…attendo che si faccia quello sull’eutanasia».
A: «Sono d’accordo anch’io. Quello sull’eutanasia sì, sarebbe corretto».
G: «Diciamocelo, questo sull’acqua è una grande strumentalizzazione politica. Persino Bassaninini, il “vostro” Bassanini, ha detto che è contrario a questo referendum sull’acqua».
A: «Quella di Bassanini è una posizione correttissima, come facciamo gli investimenti poi?».
G: «Sono contenta di aver trovato uno del Pd che riesce a ragionare su queste cose».
A: «Eh sì, il ragionamento deve essere ampio e complesso…non si può banalizzare».
G: «Ma dimmi, tu domenica voti “no”, oppure proprio non ci vai a votare???».
A: «No, no: io vado a votare. E altro che “no”…io voto “sì”…».

ps: l’aperitivo dell’assessore era analcolico, lo giuro…anzi: credo solo qualche patatina…